Un pareggio che sa di vittoria

Come una vittoria. Grande soddisfazione in casa Don Bosco 2000 dopo il pareggio con il blasonato Siracusa. Sotto di due gol nel primo tempo la squadra di Salvino Arena pareggia la partita nella ripresa grazie ad una grande prestazione di tutti gli effettivi. Decisivi ancora una volta i cambi. Gioca bene la Don Bosco nei primi minuti della partita ma è il Siracusa che si porta in vantaggio al 17’ con un gol di Giuseppe Giannaula. Cerca di riprendersi la squadra multietnica ma nonostante il buon possesso di palla è il Siracusa a raddoppiare con una staffilata dal limite dell’argentino Esteban Alfieri al 24’. Finisce il primo tempo con occasioni da entrambi le parti. Negli spogliatoi Arena suona la carica ai suoi giocatori che rientrano in campo attaccando a testa bassa. Ed il gol arriva dopo 10 minuti con una straordinaria punizione dal limite del veterano Peppe Oliveri che con una parabola da architetto disegna una traiettoria che si insacca sotto il sette. Continua ad attaccare la don Bosco 2000 che al 73’ raggiunge il pareggio con una azione da manuale. Con un repentino cambio di gioco la palla arriva sul vertice destro a Livio Palermo che supera il suo diretto avversario e mette la palla sul piede di Ousmane Jawara che tira di prima intenzione. Il portiere siracusano ribatte ma il giovane Raccuglia - entrato al posto di Angelo Tespi - insacca la sfera sotto incrocio dei pali. Il pubblico della Don Bosco è in delirio e comincia a credere nella vittoria. La partita negli ultimi 15 minuti è vibrante con occasioni da entrambi le parti. Il Siracusa negli ultimi minuti cerca di accelerare ma la Don Bosco 2000 porta a termine un meritato pareggio con la squadra più forte del campionato. Ottima la disposizione in campo della squadra con un solido 4-3-3. Tra i pali un sicuro Lirio Oieni, esterni il quasi quarantenne Angelo Tespi e il veterano Oliveri autore del gol che ha accorciato le distanze. Al centro della difesa l’ormai consolidata coppia Cessay Jaja - Ciccio Abbate. A centrocampo il motorino Dario Franchino, che più volte ha fermato come un piccolo gladiatore i giganti siracusani, il prezioso Lamorella che si è stirato nella ripresa sostituito dal solido Assan, e il gambiano Malang Sanyang. In attacco il tridente Ousman Jawara, Livio Palermo e Charty Lamin che ha orchestrato interessanti manovre di gioco. Nella ripresa decisivo gli innesti di Danilo Raccuglia autore della rete del pareggio, Simone Minacapilli - espulso nel finale a causa di una reazione - e del giovane Gioele Calì. “Sono soddisfatto che più non si può. Questo pareggio equivale ad una vittoria con una delle squadre più blasonate della Sicilia - dice Agostino Sella - E pensare che tre anni fa partecipavamo solamente ai tornei CSI. Complimenti a tutti i ragazzi ed anche allo staff tecnico che ha messo in campo una squadra equilibrata trovando il posto giusto ad ogni ragazzo. Adesso concentriamoci per domenica prossima. Punto dopo punto arriveremo alla salvezza”

Copyright © 2017 Associazione Don Bosco 2000 - Piazza Armerina. All Rights Reserved.