La corsa campestre all'insegna di NO RACISM

Si è svolto domenica 17 febbraio l'evento "Gran Prix Nazionale di corsa campestre" che ha richiamato a Piazza Armerina circa 400 atleti provenienti da tutta la Sicilia e non solo. La gara, organizzata dall’A.S.D. Libertas Atletica Bellia, con il patrocinio del Comune di Piazza Armerina e la collaborazione dell’associazione “Don Bosco 2000” di Piazza Armerina, è stata inserita nel calendario nazionale Fidal e valida come 2^ prova del Grand Prix Sicilia Senior Master M/F. Oltre agli atleti impegnati nella gara, la novità è stata la partecipazione di un gruppo di giovani migranti ospiti dei centri SPRAR e CAS gestiti dall’Associazione Don Bosco 2000 nei comuni di Piazza Armerina ed Aidone. I ragazzi e gli operatori dei centri di accoglienza ed integrazione hanno indossato la maglietta con lo slogan della corsa “NO RACISM” per lanciare un messaggio forte e significativo contro ogni forma di discriminazione razziale e per sostenere il progetto "A CASA LORO" con cui si aiutano i migranti a rientrare nei loro paesi di provenienza, con la realizzazione di orti in cui i giovani africani possono lavorare. “E’ importante per noi essere presenti e partecipare a questa bellissima manifestazione, in cui lo sport permette di superare le barriere e rafforza lo spirito di fair play e di rispetto”: queste le parole del presidente di Don Bosco 2000 Agostino Sella, in questo momento a New York dove interverrà ad una sessione delle Nazioni Unite per parlare del progetto della migrazione circolare questo pomeriggio (alle 17.30 ora italiana). Nel corso di una bellissima mattinata, il sole primaverile ha riscaldato i 400 atleti che hanno calpestato il bellissimo percorso di 1.500 metri ricavato all’interno del RNO, percorso molto tecnico, ma ben preparato che ha messo a loro agio tutti gli atleti, che si sono complimentati per tutta l’organizzazione impeccabile. “Questo grazie a chi mi collabora da sempre - dichiara Ettore Rivoli, presidente della Libertas Bellia – grazie a Daniele Tagnese, a tutti i volontari (scout piazza1- plutia emergenza), un grazie al comune di Piazza Armerina che ci ha patrocinato e al sindaco Nino Cammarata che è stato lo starter d'eccezione. Un ringraziamento va alla Don Bosco 2000 e a tutti i suoi ragazzi che ci hanno collaborato vivamente partecipando anche come atleti alla gara. Così come dichiaravo alla vigilia, nello slogan " sport natura e impegno sociale" senza dubbio è stato apprezzato non solo dagli atleti ma anche dalle centinaia di amici, sostenitori e curiosi che sono accorsi in una bella giornata di sole”.
 
Oggi su LA SICILIA, a cura di Marta Furnari
Copyright © 2017 Associazione Don Bosco 2000 - Piazza Armerina. All Rights Reserved.