Natale di pace e tolleranza tra gli studenti e i migranti

L'articolo della giornalista Marina Chiaramonte su La Sicilia che racconta lo spettacolo di Natale organizzato da noi insieme alla scuola media Capuana

"Natale di pace e tolleranza tra gli studenti e i migranti"

Gli studenti della IA e IIB della capuana insieme ai ragazzi migranti ospiti dello SPRAR Associazione Don Bosco 2000, ieri presso la Giò Social House, con lo spettacolo teatrale: " Sotto lo stesso cielo" hanno festeggiato il natale trattando i temi della pace e della tolleranza.

Superando ogni barriera religiosa e gli stereotipi fondati sul pregiudizio, i giovani piazzesi e africani, hanno proposto poesie, canti e balli per raccontare la storia di chi meno fortunato è costretto a vivere una vita difficile tra stenti e pericoli. L'idea della rappresentazione è nata da un murales che l' insegnante Ilaria Lucerna ha ammirato quest' estate a Marina Di Avola, l'opera artistica dal titolo "Sotto lo stesso cielo" ritrae un gruppo di migranti che guardano con nostalgia e dolore la terra che hanno dovuto abbandonare, due pensieri di Sofia Chiara Civello e Luigi Scifo " Non ci sono popolazioni cattive ma uomini cattivi" e " Ignoranza è considerare un pericolo il diverso" accompagnano al disegno. Durante il percorso didattico formativo che ha preceduto la rappresentazione teatrale gli studenti hanno incontrato i loro coetanei africani riservando loro un'accoglienza affettuosa e mostrandosi disposti a un confronto necessario e proficuo, finalizzato non solo alla realizzazione dello spettacolo, ma anche alla voglia di conoscere l'altro. Le insegnanti Ilaria Lucerna e Silvana Sanfilippo in collaborazione con l'operatrice dello Sprar Gabriella Giunta hanno seguito i ragazzi nello studio di due favole, una africana e una italiana, individuandone diversi spunti per la stesura dello spettacolo. La simulazione di un naufragio sulle di " Mad Word" interpretato mirabilmente dalla professoressa Lucerna, è stato uno dei momenti più toccanti, simbolicamente ogni ragazzina salvava dal minaccioso mare un coetaneo restituendolo alla vita. Sulle notte di "Jain Makeba" , accompagnati dalle percussioni africane, i ragazzi hanno concluso lo spettacolo con un ballo variopinto e multiculturale.

Copyright © 2017 Associazione Don Bosco 2000 - Piazza Armerina. All Rights Reserved. Designed by StudioInsight.it

Please publish modules in offcanvas position.