Naufragio Grecia, non basta il cordoglio per le vittime: servono corridoi umanitari

750, la stima delle persone che viaggiavano sul barcone, tra loro almeno 100 minori. 79 le vittime accertate, 104 i migranti salvati. Ombre sui soccorsi e l’Unione europea che prova solo a firmare nuovi memorandum per bloccare le partenze invece di cercare politiche migratorie che tutelino davvero la vita di chi parte. Una sola voce si alza compatta dalle realtà della società civile: «Le persone devono essere salvate, non morire nell’indifferenza» Un barcone partito dalla Libia, diretto in Italia si è capovolto nelle acque dell’Egeo, a 47 miglia nautiche da Pylos nel sud del Peloponneso, nella notte tra il 13 e il 14 giugno. «Secondo le dichiarazioni delle persone che si trovavano a bordo, il numero dei passeggeri era di 750: temiamo che purtroppo il numero dei morti salirà di molto», ha dichiarato il governatore della regione del Peloponneso, Panagiotis Nikas, al sito di Kathimerini. 104 persone sono state tratte in salvo, tra loro egiziani, siriani, pakistani, palestinesi. Continuano le ricerche dei dispersi. Sul barcone si stima viaggiassero anche 100 minori. Le vittime accertate sono 79, ma il bilancio sarà drammaticamente più alto. Si alzano le voci di cordoglio: «Sono profondamente addolorata per la notizia del naufragio al largo delle coste greche e per i tanti morti segnalati», scrive la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen, «sono molto preoccupata per il numero di persone scomparse. Dobbiamo continuare a lavorare insieme, con gli Stati membri e i Paesi terzi, per prevenire queste tragedie». Eppure con il nuovo patto su migrazione e asilo che l’Ue si appresta a chiudere siamo davanti: «sempre alle stesse formule viste e riviste, E senza nessun impegno serio per costruire canali sicuri e legali per arrivare in Europa», aveva spiegato a VITA, solo qualche giono fa, Filippo Miraglia, del Tavolo Immigrazione e Asilo in questo articolo “Accordo sul patto migrazione e asilo, Miraglia: «Agevola i trafficanti di esseri umani“. […]

750, la stima delle persone che viaggiavano sul barcone, tra loro almeno 100 minori. 79 le vittime accertate, 104 i migranti salvati. Ombre sui soccorsi e l’Unione europea che prova solo a firmare nuovi memorandum per bloccare le partenze invece di cercare politiche migratorie che tutelino davvero la vita di chi parte. Una sola voce si alza compatta dalle realtà della società civile: «Le persone devono essere salvate, non morire nell’indifferenza»

Un barcone partito dalla Libia, diretto in Italia si è capovolto nelle acque dell’Egeo, a 47 miglia nautiche da Pylos nel sud del Peloponneso, nella notte tra il 13 e il 14 giugno. «Secondo le dichiarazioni delle persone che si trovavano a bordo, il numero dei passeggeri era di 750: temiamo che purtroppo il numero dei morti salirà di molto», ha dichiarato il governatore della regione del Peloponneso, Panagiotis Nikas, al sito di Kathimerini. 104 persone sono state tratte in salvo, tra loro egiziani, siriani, pakistani, palestinesi. Continuano le ricerche dei dispersi. Sul barcone si stima viaggiassero anche 100 minori. Le vittime accertate sono 79, ma il bilancio sarà drammaticamente più alto.

Si alzano le voci di cordoglio: «Sono profondamente addolorata per la notizia del naufragio al largo delle coste greche e per i tanti morti segnalati», scrive la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen, «sono molto preoccupata per il numero di persone scomparse. Dobbiamo continuare a lavorare insieme, con gli Stati membri e i Paesi terzi, per prevenire queste tragedie». Eppure con il nuovo patto su migrazione e asilo che l’Ue si appresta a chiudere siamo davanti: «sempre alle stesse formule viste e riviste, E senza nessun impegno serio per costruire canali sicuri e legali per arrivare in Europa», aveva spiegato a VITA, solo qualche giono fa, Filippo Miraglia, del Tavolo Immigrazione e Asilo in questo articolo “Accordo sul patto migrazione e asilo, Miraglia: «Agevola i trafficanti di esseri umani“. Un nodo cruciale rimane quello della definizione dei Paesi terzi sicuri dove sarà possibile inviare i migranti che non ricevono asilo: «Di fatto», aveva spiegato Miraglia, «si sta cancellando il divieto di respingimento. Credo che siamo davanti a uno dei punti più bassi delle politiche europee in campo di immigrazione e solidarietà».

Inutile provare a bloccare le partenze con i vari “memorandum”, come quello tra Italia e Libia, o come quello che si sta provando a chiudere con la Tunisia, ne abbiamo parlato in questo articolo “Tunisia: un Paese da aiutare, non da comprare“, per i migranti c’è bisogno di aprire canali legali, non di bloccare le partenze.

«Quello che succede nel Mediterraneo è inconcepibile in una società moderna come la nostra, siamo tutti distratti da altro ma le persone continuano a morire», dice Agostino Sella, presidente di associazione Don Bosco 2000. «I numeri ci parlano della più grande strage nel Mediterraneo dal 2015 ad oggi e mentre questo avviene le nostre autorità politiche si fermano a parlare, a realizzare tavoli, a stipulare protocolli producendo solamente carta e aria fritta, senza essere però efficaci nell’intervento per salvare le persone. Il nostro governo, così come l’Unione europea, deve concretizzare le azioni per gestire il fenomeno migratorio occorre pensare a un’azione comune di salvataggio di queste persone, come riprendere l’Operazione Mare Nostrum che fu una delle azioni più efficaci degli ultimi anni nel Mediterraneo. Un’ecatombe di questi livelli è inaccettabile e non può essere normalizzata».

Parlano di noi qui.

Associazione Don Bosco 2000
Associazione Don Bosco 2000
Ciao Come posso aiutarti?
Just Now