Un Oratorio nel Cuore della Savana gestito dall’associazione Don Bosco

Un santo che unisce e risponde ai tanti bisogni dei bambini che vivono in stato di povertà nel villaggio di Veligara, nel cuore della Savana, nella regione di Tambacounda, in Senegal. È qui che dall’estate scorsa, nell’agosto del 2022, l’associazione Don Bosco 2000 ha dato vita all’oratorio dedicato a Don Baldassare Meli, sacerdote salesiano palermitano che già dagli anni ’80 accoglieva nell’oratorio di Santa Chiara a Palermo i primi migranti che arrivavano in Italia.

Il sogno di Don Meli era quello di andare in Africa per vedere i luoghi di origine dei ragazzi che accoglieva e così dal ricavato del suo funerale l’associazione Don Bosco 2000 che aveva lavorato al suo fianco è riuscita a mettere da parte i primi fondi necessari per dare vita al progetto.

Come nel primo oratorio voluto dal fondatore dei Salesiani l’8 dicembre 1841 nel quartiere di Valdocco, a Torino, nel villaggio di Veligara bambini di tutte le età si riuniscono per giocare insieme o semplicemente per vedere le partite del Senegal durante i mondiali come accaduto da quando il fondatore dell’Associazione Don Bosco 2000, Agostino Sella, ha portato da Piazza Armerina un televisore 27 pollici.

Partite a calcio ininterrotte, giochi semplici come quello del fazzoletto, balli e danze e anche tanto studio soprattutto quello della lingua francese e dell’italiano. Sono alcune delle attività che gli operatori dell’associazione Don Bosco 2000 portano avanti seguendo il modello di Don Bosco, tra loro ci sono anche migranti che dopo essersi integrati e formati in Italia hanno fatto rientro in Senegal per aiutare la propria terra.

Al mattino, uno dei momenti più intensi, gli operatori si radunano nella sede dell’associazione di ispirazione salesiana a Tambacounda per distribuire la colazione che consiste in pane e margarina o cioccolato e una tazza di latte ai piccoli Talibè, bambini di strada, spesso orfani che vivono nei capannoni.

“L’oratorio è una cosa bellissima per noi, facciamo tantissime cose con i bambini, incontri, riunioni, formazione. Teniamo il corso di lingua francese e italiana. Ogni sabato e domenica abbiamo più di cinquanta bambini che frequentano l’oratorio, distribuiamo la merenda ai più bisognosi”, spiega Amara Tourè, 30 anni, cooperante dell’associazione.

.

All’interno della struttura la mattina le mamme dei villaggi si sottopongono alle visite mediche, con un via vai di medici italiani che affiancano i dottori locali. Il 4 febbraio a Tambacounda arriverà Maria Calcagno, pediatra di Aidone nella provincia di Enna.

Nei giorni del triduo di Don Bosco gli operatori e i ragazzi che hanno appena finito di tinteggiare il volto del padre dei Salesiani sulle pareti si chiedono come ricordarlo al meglio: “Come uomo che accoglieva gli ultimi, nella gioia di stare e divertirsi insieme”, conclude Agostino Sella. Anche questo sarà un momento per ricordare Mohammed, un altro degli operatori dell’associazione Don Bosco 2000, morto di recente a causa di un’incidente stradale in cui sono morte 70 persone dovuto a uno schianto frontale tra due pullman lungo l’unica strada che collega Dakar al Mali.

Da mihi animas et cetera tolle: dammi mille anime e toglimi tutto il resto. È così che ancora Don Bosco tiene uniti i suoi figli nelle periferie più lontane del nostro tempo, da Piazza Armerina alla savana senegalese.

Parlano di noi qui.

Associazione Don Bosco 2000
Associazione Don Bosco 2000
Ciao Come posso aiutarti?
Just Now