Le attività di integrazione al Cas di Pietraperzia

I migranti accolti nel centro CAS di Pietraperzia, gestito dall’Associazione Don Bosco 2000, continuano le attività di integrazione con il territorio: il Grest, il mantenimento del verde pubblico, la partecipazione ai giochi organizzati dal comune. Tra le tante attività che vedono protagonisti i migranti, nei giorni scorsi i giovani africani e asiatici hanno partecipato alla processione di Padre Pio che ha visto l'intera comunità locale coinvolta nell'importante manifestazione religiosa. Un altro momento di integrazione in cui la città ancora una volta si apre all'accoglienza, con il supporto delle istituzioni religiose. Un modello, quello che si realizza nel comune pietrino, che diventa esemplare per il grande spirito di accoglienza dimostrato dalle organizzazioni cittadine e da quelle religiose. A Pietraperzia i migranti sono accolti in una casa canonica, messa a disposizione dalla Diocesi, in pieno spirito di fratellanza. “Per noi è un’esperienza che risponde alla nostra missione, quella di sostenere ed accogliere questi giovani in una situazione di grave difficoltà – dichiara don Osvaldo Brugnone, in prima linea nelle iniziative di accoglienza dei migranti – E’ dovere di buon cristiano dare l’esempio e accogliere il messaggio di Papa Francesco sull’impegno a sostegno dei migranti. La nostra comunità è arricchita da questa presenza, che ci dà una forte motivazione a rafforzare i valori cristiani”. Il centro di Pietraperzia, a pochi giorni dalla sua apertura a febbraio 2018, era stato oggetto di un gravissimo atto intimidatorio, con spari contro le finestre del centro, fortunatamente senza nessun ferito. Da quel momento, la società civile pietrina si è mobilitata, facendo a gara per avviare progetti di integrazione e partecipazione ad eventi ed iniziative a favore dei giovani migranti. La Don Bosco 2000, già gestore di progetti CAS e SPRAR in altri comuni della provincia, consapevole delle difficoltà legate all’avvio di un progetto di accoglienza, aveva sin dall’inizio coinvolto la cittadinanza per preparare l’arrivo del piccolo gruppo di migranti, con un’assemblea pubblica svoltasi nella Chiesa Madre insieme a sua eccellenza il vescovo Mons. Gisana.

Copyright © 2017 Associazione Don Bosco 2000 - Piazza Armerina. All Rights Reserved. Designed by StudioInsight.it

Please publish modules in offcanvas position.